Se sei anti-fascista, vai contro gli Standard di Facebook.

Avete presente il BAN che Giampietro Belotti, il “Nazista dell’Illinois” ha preso? Il mese di BAN per un’immagine anti-fascista?

Non sulla pagina “Nazista dell’Illinois”. Ma bensì sull’account.

1504984_10203503928935708_655473927734571083_n

Pochi giorni dopo è toccato alla Giulia Corsini. 3 ore di ban che…in realtà sono 3 giorni.

facebookfascista

Poche ore dopo è capitato anche al sottoscritto.

12321344413

Ieri avevo ricevuto 3 ore di BAN, durate circa 5 ore. Le famose 3 ore che ne durano 5.

Avevano “rimosso” un’immagine. O meglio, hanno pasticciato con i comandi senza nemmeno rimuoverla.

Io non potevo ne rimuovere ne aggiungere, ero bloccato.

Oggi stavo scrivendo un discorso, convinto di essere non bannato, ma… ecco la sorpresa.

edue

edue2

Immagine

Secondo il sistema di Facebook essere anti-fascisti equivale a non rispettare gli standard di Facebook.

Strano vero?

Pagine come “Giovani Fascisti Italiani”, o “Dux mea lux” e simili, come messaggi come <<ammazza tutti gli ebrei>>, <<ammazza i froci>> e <<brucia vivi i >> sono standard secondo Facebook Italia.

Strano che sulla piattaforma di Zuckberg, che è notoriamente ebreo, si possa scrivere <<bruciate vivi gli ebrei>> o <<dobbiamo riaprire le camere a gas>>. Eppure dopo continue segnalazioni quelle pagine e messaggi allegri rimangono online:

123213213424521421421

Se non è il buggatissimo sistema automatico, che tanto dichiarano, e sono probabilmente dei “gentili impiegati” di Facebook Italia: dava fastidio che qualcuno guardasse film di donne bisessuali o lesbiche, in quanto “contrario” ai dogmi morali dei fascisti, degli ultra-cattolici e di altri bigotti?

Non me ne meraviglierei. Magari ho esagerato con le provocazioni, non me ne vogliate, in fondo sono un coglione e me le vado a cercare:

aaaaaaProbabilmente sono degli insoddisfatti sessuali. Probabilmente vengono sottopagati come la maggior parte degli italiani. E quindi desiderano sfogare la loro frustrazione bannando gente a caso.

Mi era giunta voce che per le segnalazioni automatiche esiste un sistema automatico, che banna in automatico, che cancella in automatico.

Molto buggato probabilmente? Mi spiace, non ci credo. Sono come San Tommaso: finchè non vedo non credo.

A vedere quante pagine di “fascisti” sono online, e tali rimangono, mi viene da pensare che il sistema automatico sia una puttanata oppure compilato da scimmie altamente ammaestrate.

Tu segnali, ed il TEAM di Facebook verificherà se rispetta gli standard. Se il “team” è un programma, cambiate programmatori.

C’è poca libertà di interpretare se è un sistema automatico, o se c’è la mano dell’uomo. Propendo di più per la mano dell’uomo. Lasciando il dubbio che posso sbagliarmi.

Ma oltre a ciò, è fantastico anche la permissività dell’abuso. Per 3 settimane ho ricevuto una media di 4 segnalazioni a giorno per “nudo”, “immagini violente” e “incitamento al suicidio”, con immagini che andavano dalla foto della mia Beagle, al mio coniglio nano, al FEZ (immagine rimossa, ritenuta offensiva…come??), a me stesso con selezionato immagini di nudo (evidentemente devo indossare il burka).

uscitoilpeneSituazione parecchio fastidiosa. Un po divertente ma parecchio fastidiosa.

Un giorno son pure stato insultato da un branco di leghisti su una pagina “Coordinamento 9 Dicembre” di Danilo Calvani.

Perchè? Ho linkato un’articolo di Giornalettismo, uno di Bufale.net ed uno di BUTAC. E scritto <<Salvini ne racconta di cazzate>>.

Minacce di morte, <<se ti becco ti ammazzo testa di cazzo>>, ed ostentazioni che i suddetti siti anti-bufala siano servi dei poteri forti. Tanto complottismo in una singola pagina.

Gli risposi “rambo da tastiera”.

Uno di loro si fece un “selfie” alle parti basse, mise la foto nei commenti del suo apparato riproduttivo.

Segnalai la foto e le minacce direttamente a Facebook.

Non fu rimosso nulla. Era tutto “ok” per gli standard di Facebook.

Anzi, mi segnalarono in massa la foto del Fez. Facebook reputò fuori standard il Fez.

E mi giunsero via messaggio personale vari insulti dall’amministratore, che si riteneva l’autore della segnalazione di massa. Con tanto di minacce, in quanto Salvini è amico suo, e non mi dovevo permettere di dire che racconta cazzate.

Evidentemente il software-Facebook o qualcuno dell’assistenza ha letto al contrario il libro-guida alla moderazione di Facebook.

Ma queste sono alcune delle numerose situazioni anormali presenti su Facebook.

Pazienza, mi diletterò nell’arte di prendere per il culo il “programma automatico” Fascbook-Italia, e re-indosserò la mia “armatura”, ossia il grembiule ed il colapasta.

10934089_10202226798151602_1996057580039044557_nNon gli occhiali, quelli li ho regalati ad una bellissima ragazza con due occhi stupendi, della quale non ho ne il numero di telefono, ne conosco il nome. So solo che è bellissima.

Firmato: Il glande di Salvini

11 pensieri su “Se sei anti-fascista, vai contro gli Standard di Facebook.

  1. Considerando che quelli di fb stanno aggiornando le regole della privacy in modo da sapere i siti web visitati (per marketing mirato)… non mi stupirebbe se cominciassero a bannare gli utenti che passano di qua!

    Mi piace

  2. Perfettamente d’accordo sul piano idealistico, ma non cadiamo anche noi nella rete del complottismo, facebook lavora su tutti i livelli con sistemi automatizzati, la cui principale variabile presa in considerazione è il numero di segnalazioni. Ad esempio un mio amico ha avuto come foto profilo un pene con sopra una scritta a pennarello (è la copertina di nonsoquale cd di nonsoquale gruppo) per mesi. Io giusto per fancazzismo e perchè mi disturbava parlare con la foto di un pene gliela segnalai, ma ci vollero mesi prima che gliela levassero. Perchè le segnalazioni ci mettono mesi prima che un uomo la visioni, (sempre che altri non l’abbiano segnalata arrivando ad un numero “consistente” per i sistemi automatici).
    Se la Corsini ad esempio, che ha un ottimo pubblico di haters, pubblica la foto di mezzoculo con sopra mosconi, BAM bannata istantantaneamente perchè magari una 50na di nazimalisti l’ha segnalata tanto per rompere il cazzo.
    Il problema è questo, noi veniamo a conoscenza di una paginucola con 100 coglioni che vivono ancora nel ventennio fascista, occhi al cielo, bestemmiamo/imprechiamo ed andiamo avanti. Invece leghisti, grillini, animalisti, tutti i sottoinsiemi dei fascisti, automaticamente pensano a “segnalare all’autorità” come forma mentis, e lo fanno in massa. Facebook applica blocco preventivo, che solo in alcuno casi viene rivisto da un uomo in carne ed ossa, e spesso solo se ci sono un certo numero di “controsegnalazioni” (mi pare che tempo fa ci fu una cosa del genere per la pagina di “A favore della sperimentazione animale”)
    Spero di non avervi annoiato, pace e prosperità 😉

    Liked by 1 persona

    • La corsini non è stata bannata per il motivo che citi. E’ stata bannata dopo poco che aveva messo l’immagine anti-fascista.

      Temo sia un po più complicato. E che la mano dell’uomo sia necessaria al posto di un algoritmo buggato come lo schifo.

      Mi piace

      • Il ban di cui parlavo era quello dell’immagine, non del profilo della corsini.
        Anche perchè il culo lo avranno bannato per “immagini di nudo”, quella del ducie col tarocco (mi pare fosse quella) l’avranno segnalata per “incitazione alla violenza e sti cazzi ecc…” e probabilmente per queste cose facebook prevede pene “più severe”, o semplicemente banna i “recidivi” in quanto era tipo la 3a volta che le bannavano un contenuto.
        Ovviamente sono algoritmi molto più complessi di quello che ho detto io, ma per la mia esperienza maturata sul mezzo, sono pienamente convinto che il numero di segnalazioni abbia il maggior peso nei sistemi automatici di facebook.

        Mi piace

      • Non lo metto in dubbio. Rende solo evidente che il sistema è fallace. Potrei semplicemente segnalare, con altri, in accordo un immagine di un cane che gioca con il pallone. E l’utente si troverebbe bannato per la foto di un cane che gioca con il pallone. Assurdo, non trovi?

        Mi piace

  3. Non che vada meglio su Google Plus: due settimane (settimane!) di blocco dopo che un tizio di Forza Nuova aveva esplicitamente annunciato che avrebbero segnalato come inappropriati tutti i nostri articoli. Chiedendo spiegazioni a Google Plus sui motivi di questo blocco di due settimane, la risposta è che c’è un blocco di due settimane (ma davvero? non me n’ero accorto!).

    Mi piace

    • Questa è un’altra simpatica situazione di abuso di report.
      Tale abuso è utile segnalarla, ma come si suol dire, l’assistenza è formata anche da “scimmie altamente ammaestrate” [cit. Youtube error 500].

      Di tali problemi stiamo pensando di fare una bella raccolta, con le situazioni “persona per persona”.
      Ossia tutte le vittime dei blocchi su Facebook. Ma potremmo aggiungere anche GooglePlus.
      Blocchi permessi da un software fallace o da un essere umano ai comandi con poca dimestichezza.

      Mi piace

  4. […] il suo account. Stessa sorte per coloro che su Facebook lo avevano sostenuto, i quali hanno pubblicato la storia sui propri blog personali per denunciare l’accaduto. Per cosa? Per un’immagine riportante Mussolini mentre tiene in mano una carta simile a […]

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...